News Recenti
Please reload

Archivio News
Please reload

Il Vescovo Nazzareno Marconi ha incontrato gli studenti delle classi quinte del nostro Istituto sul tema: “Quale speranza per il futuro?”

April 20, 2017

 

Mercoledì 5 aprile il Vescovo Nazzareno Marconi ha incontrato i ragazzi e le ragazze delle classi quinte del nostro Istituto sul tema: “Quale speranza per il futuro?”

 

L’idea è partita dai tanti dialoghi in classe con i ragazzi da cui spesso traspare la difficoltà di pensare serenamente al futuro, l’esigenza di assistere a testimonianze ed ascoltare parole di speranza.                                                     

Si propone una sintesi dell’incontro utilizzando anche alcune riflessioni dei ragazzi.

“L’esperienza di mercoledì, secondo me, è stata importante, abbiamo incontrato il Vescovo di Macerata Nazzareno Marconi e non è stato un incontro religioso quanto una vera e propria lezione di vita. Il Vescovo ci ha aiutato a riflettere sulle nostre prospettive future, sulle nostre intenzioni e volontà, addirittura chiedendoci che cosa ci spaventa nella vita; ci ha insegnato che prima di tutto, parlando sempre della vita, bisogna conoscersi, ognuno di noi deve sapere chi è realmente”.

“Il Vescovo Marconi è stato capace di parlare con i ragazzi utilizzando un linguaggio tale da poter catturare l’ attenzione”, ha utilizzato “…un linguaggio abbastanza giovanile, esponendo le proprie tesi con esempi attuali ed anche con schemi”.

Il breve video iniziale sull’esperienza atletica di Beatrice Vio, “ha introdotto molto chiaramente il tema dell’incontro”: “sperare ed avere il coraggio di andare avanti”.  Al termine del video Monsignor Marconi ha chiesto: “Babe, quali sentimenti vi suscita?”

“Il Vescovo ha detto che a lui fanno pena le persone che oziano, che stanno tutto il giorno sul divano e non le persone come Babe perché comunque loro, di fronte ad un problema, lottano”.

Inoltre ha fatto capire molto bene la differenza tra ottimismo e speranza…, “il Vescovo ha spiegato perché è importante avere speranza e darsi da fare per avere un bel futuro, senza lasciarsi abbattere”; “se si vive una vita in modo passivo e svogliato, senza realizzare degli obiettivi, è una vita persa, sprecata…”

Ha affermato ancora che è come se, trovandoci sulla riva di un fiume, aspettiamo che accada qualcosa, che qualcuno ci possa portare dall’altra parte; è come quando si aspetta sul divano che, prima o poi, i problemi passino.

La speranza non è un vago ottimismo; la persona di speranza sa considerare le proprie capacità, sa valutare se stessa e sa porsi con verità di fronte al mondo: conosce se stessa e conosce il mondo.

Il mondo non è buono, la vita non è facile; chi crede che tutto sia buono non è nella verità, vive un ottimismo che non ha niente a che vedere con la speranza.

Vive la speranza chi, sulla riva del fiume, si chiede: posso farcela a nuotare fino all’altra sponda?  Sono capace di nuotare bene? Sono abbastanza forte? Se non ho queste capacità mi attivo per cercare una barca o altro.

Quindi la persona di speranza conosce le proprie capacità, conosce se stessa e conosce le sue possibilità ma conosce anche i suoi limiti; poi conosce il mondo e conosce le persone: sa che non tutto è buono, non tutti vogliono il suo bene.

Come capire, allora, di chi fidarsi?

Le persone che hanno degli interessi, dei doppi fini, non vogliono il nostro bene; le persone che ci vogliono bene ci fanno star bene; “..l’amicizia non deve essere opportunismo ma deve portare felicità, gioia, deve essere condivisione di esperienze senza che uno si approfitti dell’altro”.   

I genitori conoscono i propri figli fin da bambini ed hanno un solo desiderio: aiutarli a diventare grandi! “…Bisogna essere aperti e disposti a parlare con i genitori…, sicuramente sapranno consigliare…”

Quindi, ha rimarcato ancora il Vescovo, conoscere se stessi e conoscere il mondo sono le premesse per essere persone di speranza.

Monsignor Marconi, alla fine del discorso, ha rivolto alcune domande ai ragazzi ed è iniziato un bel dialogo con ulteriori approfondimenti.

L’incontro è stato organizzato dagli insegnanti di religione;  ad esso hanno partecipato il Dirigente, il Vice-Preside ed altri insegnanti dell’Istituto.

 

 

 

 

Please reload

Istituto di Istruzione Superiore "Enrico Mattei" - Via Brodolini 14 - Recanati 62019 (MC) - Tel. 071 7570504 
mcis00400A@istruzione.it - mcis00400A@pec.istruzione.it - cod.fiscale 82000990430

© 2015 IIS Enrico Mattei